Porta candela marinaro

Ed eccomi qui, cari lettori, dopo qualche giorno di assenza dal blog.

Sono stati giorni impegnativi ma, allo stesso tempo divertenti. Vi starete domandando il perché..

Bene. Ve lo spiego subito.

Come avrete notato in questi anni, adoro l’handmade e tutto ciò che è veramente creato a mano. Dall’oggetto alla confezione.

Bene, forse vi avevo preannunciato l’intenzione di realizzare un porta candela in stile marinaro per l’arrivo dell’estate..e ci sono riuscita!

Realizzata a partire dai bastoncini di legno per ghiaccioli, la casetta porta candela poggia su una base di compensato ricoperta di sabbia e conchiglie, Al di sotto della casetta (come poi vedrete in foto) è fissato il vero e proprio porta candelina (le tealight, per intenderci). Questo tipo di candeline non bruciano la casetta poiché la fiammella è davvero delicata. Inoltre, le finestrelle ed il comignolo permettono il passaggio dell’ossigeno, impedendo alla fiamma di spegnersi.

Eccola!

Ho pure pensato di creare una scatola a tema che la contenesse, giusto per poterla trasportare con più facilità.

Che ne pensate? Vi piace?

Spero di sì! Io mi sono divertita tantissimo a crearla ed il risultato finale non mi dispiace affatto!

Alla prossima!

Giveaway di Primavera!

Ciao a tutti!

Vi informo che è iniziato il Giveaway di primavera!

Partecipare è davvero semplice!

Dovete mettere “mi piace” alle pagine L’emporio dell’indeciso e Jana Art, condividere pubblicamente il post taggando almeno un amico e commentare scegliendo il premio che vorreste vincere!

Il giveaway è valido sino al 15 Aprile e l’estrazione verrà effettuata tramite il sito random.org

Cosa aspettate? Partecipate! E’ semplice e gratuito e potrete vincere dei premi davvero carini ed originali!

ps: presto vi mostro le bomboniere. Promesso ♥

*espositore bracciali fai da te*

Buongiorno a tutti!😊

Io sono sempre attiva ed operativa, nonostante non pubblichi ancora i lavori realizzati in FIMO..sono ansiosa di mostrarveli, credetemi!

Attendete e presto vedrete.😍

Comunque, ieri ho trascorso la giornata a lavorare su un espositore per bracciali partendo da uno rosso che ho acquistato lo scorso Natale.

Ho pensato di crearne uno a mano partendo da una base di compensato, che poi è il retro di una cornice per foto, del cartone (quello delle scatole per intenderci!), la copertina rigida di un vecchio libro di lavoro di mio padre e dei rotoli di carta cucina.

In pratica materiali che, chi più chi meno, abbiamo a casa.

Innanzitutto ho riportato sul cartone le sagome (quella rossa) da ricreare, le ho ritagliate e smussate, ovviamente per eliminare le imperfezioni.. 🙄

Una volta tagliata la base,i supporti e tutto quello che serviva per poter montare l’espositore, ho ricoperto con la carta da pacchi per irrigidire i cartoncino, specialmente i rotoli che sono mollicci 😒.

Una volta fatti asciugare i pezzi ho iniziato ad assemblare usando la colla a caldo, che in questi casi permette di velocizzare il lavoro.

Con “assemblare” intendo incollare le guide che servono per tenere i lati dell’espositore dove verranno poggiati i rotoli (i supporti bianchi nella base di compensato, in pratica).

Nella foto vedete l’espositore montato. Tutti i pezzi si possono togliere e rimontare con un notevole guadagno di spazio! 😍😍😍

Non sapevo come colorarlo o rivestirlo. Le stoffe contano molto e se i colori e le fantasie non mi convincono, preferisco dipingere con l’acrilico. E così ho fatto!

Ho dato due mani, non solo per rinforzare la carta, ma anche per coprire meglio i difetti che, inevitabilmente, sono presenti nei pezzi fatti interamente a mano! 😭😭

Ed il risultato è questo..😍

Che ne dite?

Io sono soddisfatta del lavoro che ho fatto. Mi piace davvero molto il risultato finale!  Dopotutto non si può acquistare ogni singola cosa e poi adoro la creatività e mi piace farmi le cose da me!

Fatemi sapere se quest’idea può esservi utile o vi è piaciuta!

Buon pomeriggio e alla prossima creazione! 😘😘

Lavori in corso -parte seconda-

Buon pomeriggio a tutti!

Torno dopo qualche giorno (forse più di qualche giorno), per dirvi che i lavori procedono. Ci sono stati degli intoppi come ad esempio la scrittura sul FIMO.. 

Prima di iniziare dei lavori mai fatti prima, generalmente, faccio una ricerca sul web per vedere quali info utili possa utilizzare.e così ho fatto pure stavolta.

Peccato che le informazioni trovate sul web non fossero attendibili.  

Per farmi capire vi dico che dovevo scrivere sul fimo cotto e sul web ho trovato che “le penne permanenti per CD sono ottime per questo scopo”.

FALSO 

Le penne per cd scrivono sì sul fimo, ma dopo 10 12 scritte si scaricano completamente.

Risultato? Se devi scrivere su 60 pezzi ti servono quasi 6 penne dello stesso colore! 

Per la cronaca, ho provato due tipi di marca.

Penne permanenti Stabilo: prese in confezione da 8 pagando in totale con le spese circa 17€ sono state da buttare dopo solo 12 pezzi che ho dovuto rifare di sana pianta. Non solo, il colore è, il giorno dopo, diventato fosforescente per cui illeggibile.

Penne permanenti Steadler: acquistata una. Stesso risultato, con la differenza che il colore ha tenuto leggermente di più.

Però i lavori procedono.

Come ho risolto, vi domanderete.

Acrilico, penna scarica della stabilo che ha la punta sottile e via! Come gli scrivani!

Solo che ora é sorto un altro problema.

Devo impermeabilizzare le scritte in acrilico sul FIMO che, altrimenti rischiano di sparire. Perciò altri soldi da spendere. E non trovando un piffero qua dove sto io sono sempre costretta a ricorrere al web perciò, oltre alle spese dell’oggetto, si sommano quelle postali. Un salasso in pratica. 

Ma torniamo a noi.

I lavori procedono ma purtroppo non posso postare foto dei lavori in corso semplicemente per non levare la sorpresa agli interessati.

Vi dico solo che, nelle pause, sto sperimentando altre cose da proporre, eventualmente ai prossimi mercatini!

Tipo questi anellini semplicissimi e colorati realizzati con fil di ferro e smalto, da un’idea trovata su instagram! Ora devo solo capire se lo smalto reggerà abbastanza oppure no. Diciamo che devo fare il crash test!

Inoltre, ho sperimentato la pasta di bicarbonato che, ancora, fa parte dell’ignoto per me.

La pasta di bicarbonato è una pasta modellabile che consiste di tre semplici ingredienti, facilmente reperibili e che probabilmente abbiamo tutti in casa:

•Bicarbonato

•Acqua

• Maizena

 

Trovate un ottimo tutorial qui

Io l’ho usato e sono soddisfattissima, anche se ancora devo ben capire come colorarla.  Qualcuno suggerisce i coloranti alimentari in polvere oppure i gessetti. ma ho pure letto qualcuno che usa le tempere.  Bah, vedrò di informarmi meglio a riguardo e magari la utilizzerò per alcuni lavori, specie per la sua consistenza soda, la lucentezza e il fatto che, a differenza della pasta di mais, resta bianca anche senza colorazione!

La vedete qui sotto!

 

E a parte questo, appena terminerò i lavori di cui vi ho parlato, procederò col macramè, la cosa che al momento mi piace di più.

Per l’occasione ho acquistato degli orologi a cui rifarò il cinturino. Uno l’ho già realizzato qualche settimana fa, mentre gli altri due sono da fare di sana pianta.

La luce non rende giustizia al lavoro fatto, ma vi assicuro che dal vivo ha un bell’effetto. Sembra il verde irlandese!

Più in là mi dedicherò a questi invece, sperando venga fuori una cosa carina!

scusate la foto sulla tovaglia della cucina 

Comunque, questi sono gli aggiornamenti fino ad ora.

Spero, col prossimo post, di mostrarvi i lavori finiti. Sennò dovrete pazientare ancora un pochino!

A presto! 

 

Porta biglietti fatato♥

Miei cari lettori,
il tempo qui fa schifo (tanto per cambiare.. ) e così mi sto portando avanti con il lavoro per i prossimi mercatini che, quasi sicuramente, si terranno in primavera.
Come forse ricorderete, nel periodo natalizio, avevo creato un porta biglietti a tema che ha avuto molto successo ai mercatini.

Così mi sono detta: “Perché non crearne uno per il periodo primaverile e uno per l’estate?”

Quindi tre giorni fa mi sono creata il progetto in mente, se così vogliamo dire, ed ho deciso di mettere in pratica quel pensiero!

Mi sono munita di

• compensato
• rotolo di carta cucina
• cartoncino
• colla vinilica
• acrilici
• fazzoletti di carta
• carta da pane
• muschio perpresepe
• fiori finti
• sassolini
• tappi di sughero
• legnetti di varie misure

e tutto ciò che può servire per creare una casettina delle fate!
Che poi, ognuno può usare i materiali di recupero che preferisce.
Comunque, spero innanzitutto di riuscire a pubblicare un tutorial su youtube, dopodiché in questo post vi illustrerò il risultato finale!

Ecco qui il mio porta biglietti completo

portabigliettinijanaart

portabigliettinijanaart1

portabigliettinijanaart2

Che ne pensate? Non é carino?

A me piace molto, mi ricorda davvero quei paesaggi delle fiabe!

Dopotutto il nome della mia pagina é Jana Art, ovvero l’arte di una fata per cui quale migliore idea se non un paesaggino fatato?

httpi66-tinypic-com6giuewjpg
Follow my blog with Bloglovin

Mercatini Finiti

Buongiorno lettori!

Per me ieri si sono conclusi i mercatini natalizi. Diciamo che, tutto sommato, posso ritenermi soddisfatta del risultato. Ci fosse stato meno freddo e un po’ più di gente interessata ad acquistare alle bancarelle, e sarebbe stato tutto perfetto!

Questa è la nostra bancarella.
Jana Art

 

Scusate per quest’ultima foto un po’ sgranata.🙄

Intanto c’è ancora tempo, se foste interessati, per acquistare un biglietto della Lotteria di Capodanno! Vi ricordo che un biglietto costa 3€ (2 invece li pagate 5 anziché 6€).

L’estrazione avviene il 31 Dicembre tramite il sito http://www.random.org e il primo premio vincerà un buono amazon da 20€! Per il regolamento completo visitate la pagina http://facebook.com/artelien per i dettagli.

Abbiamo anche contattato l’AIRC della sardegna affinché, per i prossimi eventi, ci fornisca il materiale per dimostrare che siamo volontarie dell’associazione e che i soldi raccolti vengono devoluti all’associazione, con tanto di prova del versamento..

Per stavolta è tutto.

Buon Natale e buone feste a tutti!

Vi aggiornerò in questi prossimi giorni coi progetti per il futuro.

Cake Topper Draghette

Buona domenica lettori!

Volevate sapere se fossi ancora occupata con mercatini? Beh, no.

Fino a Dicembre sono libera di preparare materiale per le bancarelle natalizie , anche se a Novembre non sarò disponibile per lavorare su richiesta.

 

Allora, recentemente mia cugina mi ha chiesto di realizzare due cake topper per il compleanno di mia cuginetta e dell’amichetta che, a breve, compiono 3 anni.

La sua richiesta era: due pupazzetti per torte a forma di draghette. Una gialla con pancino arancione e una rossa con pncino arancione. Diciamo che dovevano avere colori che riportassero l’una all’altra poiché saranno sistemate su due torte vicine.

 Così, ho subito acquistato il FIMO SOFT da qui che è arrivato in meno di due giorni.

 

Considerate però che ne avevo già a casa (come il giallo, ad esempio), per cui questa è solo una parte del materiale utilizzato per la creazione dei pezzi.

Mi sono subito messa al lavoro, soprattutto perché le draghette serviranno per il giorno 11 Ottobre!

Vi mostro alcune fasi del procedimento. Non tutte, chiaramente, altrimenti non la finisco più. 

 

Innanzitutto ho preso un panetto giallo (quello da 57 grammi), uno rosso ed ho modellato il corpo delle draghette, inserendo i perni per la testa e per le zampine anteriori e posteriori:

 

Successivamente, ho preso un pezzo rosso ed uno giallo e ho modellato le testoline, inserendo gli occhietti ai lati.

 

 

Quindi ho assemblato le testoline, inserendo i perni in fil di ferro per orecchie e cornine (passaggio non visibile). 

 

Prima di cuocere questi due pezzi, ho inserito nella schiena delle draghette i perni per le cornine. Quindi, una volta cotto, ho lavorato su zampette posteriori e, nei momenti di pausa ho immaginato di mescolarle..

 

Tornata in me ho iniziato ad assemblare i dettagli in entrambi i pezzi: corna, orecchie e ali, come si vede nella draghetta gialla

Le braccia le ho dovute fare al termine, poiché non ero certa di come disporre il numero 3 nella base.

Ho lavorato quindi ai due cerchi verdi (la base dei cake topper) e ai dettagli: tartarughina, fiorellini, funghetto  

 

 

ed eccole (non complete) le due tartarughine per ciascun cake topper

 

e qui le draghette coi numeri 3 (anche questi fatti a mano) pronte per essere infornate!

Ed eccolequi, completate, sulla loro base decorata!

 

Draghetta Gialla 

 

Draghetta rossa 

 

Ed infine il particolare della tartarughina con funghetto e fiorellini

Che ne pensate? A parte che ho scritto un papiro..

Aggiornamento: il prezzo per pezzo è di 40€

 

 

 

Resoconto della serata

 Buona domenica a tutti.

Scusate l’assenza ma in questo periodo sono molto occupata con le fiere ed i mercatini e quando sono libera cerco di prendermi un po’ di tempo per me e per creare nuovi oggetti.

 

Ieri, comunque, siamo state con la mia amica alla festa di San Pio X, ad Iglesias.

 

*°* Ah, controllate la sua pagina L’Emporio dell’Indeciso e mettete un like! Troverete tanti bellissimi oggetti (se poi siete patiti di Harry Potter ed affini, allora siete fritti!)*°*

 

Comunque, all’inizio eravamo un po’ scettiche, poiché generalmente le feste parrocchiali non attirano molti clienti (vedi la Festa di San Paolo a cui abbiamo partecipato a Giugno).

 

Ieri, invece, siamo state sorprese piacevolmente!

Tanti clienti che hanno prestato molta attenzione alle nostre creazioni, ci hanno riempito di complimenti e hanno pure acquistato molto!


Questo era il nostro stand, ieri.

Perdonate la foto non proprio perfetta, ma non sono riuscita a fare di meglio

.


Ora ci aspetta un’altra fiera, ma stavolta a Gonnesa (CI) per la "Fiera della Musica" che si terrà Giovedi 25 Agosto.

Vi aggiornerò, lo prometto!

Intanto vi auguro buona giornata e ci aggiorniamo presto!

Casette degli gnomi Porta candela

 Buon Sabato lettori.

 Dopo una lunga serata passata all’ervento "Notteggiando", torno qua sul blog per condividere con voi due nuovi lavori.

Ovvero due casette degli gnomi portacandela, realizzati totalmente a mano a partire dai vasetti per le marmellate.

 

Il primo l’ho pensato per le bambine. Ha i colori pastello, più delicati

 

 

Mentre il secondo, più adatto ai maschietti,  ha il tappo come il cappello dei funghi.

 

 

Hanno un diametro di 10cm circa ed un’altezza di circa 7cm.

Il vasetto viene venduto con una candelina in omaggio ed il prezzo è di 25€ l’uno.

Li trovate in vendita su A Little Market o contattando me privatamente tramite Facebook.

Alla prossima creazione!

 

 

Nuova Grafica!

Ebbene, eccomi di nuovo qui.

Giusto per aggiornarvi un pochino sull’andamento dei mercatini/fiere

a cui sto partecipando la Festa della Madonna delle Grazie

è andata abbastanza bene

ed ora, con l’altra artigiana aspettiamo con ansia la seconda serata

di Notteggiando che, per noi, sarà il 22 Luglio.

Nell’attesa ho ordinato un po’ di materiale dal web per provare a realizzare

qualche oggettino in FIMO indirizzato ai bambini.

Nello specifico, vorrei provare a realizzare Elsa di Frozen che,

a quanto pare va molto tra le bimbe.

Per cui, proviamoci!

 

Intanto vi mostro la foto del nostro stand che

ha realizzato un amico, l’altro giorno.

 

Carino no? Abbiamo fatto la nostra figura, portando

anche delle caramelline gommose per i bimbi

 

Comunque, giusto per la cronaca, ho cambiato il layout del blog,

con tanto di nuovo banner da me realizzato (scriitta "Jana Art" a parte)

e ho riaperto ed aggiornato lo shop su Etsy.

Per ora sono presenti solo 5 tutorial foto per realizzare bracciali/orecchini

in macramè (trovate i link anche sul lato sinistro del blog),

ma più in là aggiungerò del materiale 

Spero vi piaccia tutto e che il vostro martedi sia pieno di felicità

e di poco caldo, perchè qui si schiatta